Con la celiachia in aumento oggi, un modo è chiedersi come questa malattia tutto è nato. Con i recenti sviluppi e la popolarità nel mangiare senza glutine, è difficile immaginare che la celiachia sia stata effettivamente scoperta nel lontano 1940 dal medico Willem Dicke. Dicke era il direttore medico di un ospedale pediatrico e divenne sempre più interessato alla celiachia dopo aver partecipato a una presentazione su di esso nel 1932; questo ha scatenato la sua sperimentazione iniziale con diete senza grano e come i suoi pazienti hanno reagito a cibi specifici. Nel 1941 esclamò che dà “una dieta semplice” senza pane o fette biscottate. Un’altra rivelazione sorprendente sulla scoperta iniziale della celiachia arrivò durante la seconda guerra mondiale che solidificò le scoperte di Dicke su come il grano si rapporta alla salute. Nel 1944, i Paesi Bassi sperimentarono una carestia e sorprendentemente i pazienti celiaci iniziarono a migliorare. Nel 1945, quando si verificarono le gocce di pane sull’Olanda, quei pazienti ricaddero. Questa è stata la vera prima scoperta che il glutine può avere un profondo effetto sulla salute e che il medico Willem Dicke era su qualcosa fin dal 1940. Celiachia mentre in aumento oggi e diete senza glutine guadagnando popolarità, questo era davvero qualcosa che effettua la gente indietro nella seconda guerra mondiale pure.
Se pensavi che la celiachia fosse scoperta nel 1940 per essere sorprendente, questo potrebbe sorprenderti ancora di più. Si pensa che la prima osservazione di questa malattia sia stata osservata nel 2 ° secolo d. C.! Areteo di Capodocia fu un medico greco che scrisse per la prima volta sulla celiachia adulta e infantile. Un capitolo del suo scritto,” La diatesi celiaca ” ha parlato di effetti collaterali specifici della celiachia come diarrea, perdita di peso e pallore, che sono tutte cose comunemente associate a questa malattia. In termini di dove il nome Celiaco è venuto da, la parola deriva dalla parola greca, ‘ koiliakos ‘che significa’ sofferenza nelle viscere.”Una parte del libro di Areteo di Capodocia scrisse direttamente:” Se lo stomaco è irretente del cibo e passa attraverso non digerito e grezzo, e nulla sale nel corpo, chiamiamo tali persone celiaci.”È piuttosto sorprendente che le rivelazioni su questa malattia siano state viste come parte del secondo secolo d.C. e che questa malattia sia ancora in aumento oggi.
Ora che sappiamo come e dove la celiachia è stata scoperta per la prima volta parliamo di quale fosse la prima cura per questa malattia. Si pensava che le banane fossero la cura per questa malattia, mentre in realtà non erano le banane stesse, era il fatto che questi individui non mangiavano glutine che li stava aiutando a sentirsi meglio. Era stata inventata una dieta a base di banane e le persone consumavano grandi quantità di banane per le loro proprietà terapeutiche e le banane venivano persino somministrate ai bambini celiaci, tuttavia Dicke non lo comprava. Dicke credeva che le banane non fossero ciò che aveva particolari poteri speciali nel trattamento della celiachia, era l’evitamento accidentale del glutine che stava aiutando a curare la malattia. Come abbiamo imparato oggi, l’unico modo per trattare la celiachia è da evitare completamente il glutine stesso, e che le banane non hanno nulla a che fare con l’equazione oltre ad essere un’aggiunta sana alla vostra dieta.
Mentre gli studi erano là fuori a dimostrare l’esistenza della celiachia, come diagnosticarla era un’altra storia. Fu una gastroenterologa di Londra, Margot Shiner che per prima sviluppò il modo definitivo di diagnosticare la celiachia utilizzando una biopsia basata su uno specifico modello di danno all’intestino tenue, del tutto simile a quello che si fa oggi per una diagnosi celiaca definitiva. La tecnica basata biopsia è stata fatta per determinare se ci fossero modelli distinti di danno ai villi fingerlike nell’intestino tenue e questa tecnica è stata sviluppata nel 1956.
La grande notizia è che ora esistono test genetici nella speranza di determinare se si ha o non si ha la celiachia. Mentre questa è una grande nuova tecnologia, non è definitiva è utile solo per scopi di screening. Il test viene eseguito utilizzando un campione di sangue o cellule prelevate dalla bocca tamponando l’interno della guancia. Tuttavia, questo test può suggerire che si può avere una diagnosi di celiachia, ma non può confermare una diagnosi. Fino a un terzo della popolazione porta questi geni, anche se solo un piccolo sottoinsieme – 2-3% — di tutte le persone con questi geni potrà mai ottenere la celiachia. Ciò che questo test può dirti è se sei a rischio di avere la celiachia, poiché senza questi geni è praticamente impossibile contrarre la celiachia. Questo è un test della celiachia che deve essere controllato solo una volta nella vita poiché il nostro corredo genetico non cambia. L’unico modo definitivo per diagnosticare la condizione è di avere una biopsia. Viene prelevato un campione di tessuto dal rivestimento dell’intestino tenue. La procedura richiede solo 10-15 minuti.
PS: Alla ricerca di alcune idee per la colazione senza glutine? Dai un’occhiata al nostro premiato muesli senza glutine, (che è registrato con Coeliac UK), vale anche la pena dare un’occhiata alle nostre barrette di cereali senza glutine, alla nostra avena senza glutine e al nostro mix di pane senza glutine.
Risorse:
“La bugia del glutine: e altri miti su ciò che mangi”, Alan Levinovitz.
http://www.glutenfreetravel.com.au/history-of-coeliac-disease
http://archive.protomag.com/assets/celiac-disease-timeline-a-glutinous-history

Di Dave McGeady il 4 ottobre 2016 in Consigli nutrizionali

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.