di Claire Novak

Immaginate cosa accadrebbe se le più grandi organizzazioni dei media del paese improvvisamente affascinato con homeschooling. Troupe televisive immagine e giornalisti famosirushing per intervistare famiglie homeschooling e promuovere il loro stile di vita sul nightlynews—pensare “Perché si dovrebbe Homeschool,” un rapporto speciale da PeterJennings, o “Crescere i bambini nel modo giusto” con Barbra Walters. Sounun po ‘ inverosimile? Forse è—in America. Ma in Giappone, dove un sistema di istruzione pubblica un tempo popolare è in declino, i magnati dei media e gli uomini d’affari sono ansiosi di trovare una valida alternativa. A quanto pare, homeschooling si adatta il disegno di legge.

Mettersi al passo con gli standard occidentali nel campo della scienza e dell’istruzione è sempre stata una delle più alte priorità del Giappone. Dopo la seconda guerra mondiale, gli americani “aiutarono”a riformare il sistema educativo giapponese modellandolo secondo il proprio. Obbligatoriol’istruzione è stata formata per includere la scuola elementare e la scuola media. Il curriculum elementaryschool è stato anche diviso in tre categorie principali: materie regolari, educazione morale e attività speciali. I nove soggetti regolari sono rimasti sostanzialmente gli stessi nel corso degli anni; gli studenti sono tenuti a studiare giapponese, studi sociali, aritmetica, scienze, vita e studi ambientali, musica, arti e artigianato,casalinga, e l’educazione fisica.

Mentre le scuole pubbliche erano una volta rispettate per i loro elevati standard e disciplina,il sistema educativo giapponese ha subito un declino costante dal 1980.Dal 1983 al 1986, un senso di crisi ha dominato i rapporti sull’istruzione pubblica. In base Leonard Schoppa, contribuendo autore di un volume intitolato Windows su JapaneseEducation, “Storie di studenti che attacca gli insegnanti sono stati featuredregularly nella stampa, il Ministero dell’Istruzione segnalato un’epidemia di bullyingin della nazione scuole elementari e medie; e telegiornali detto al storie di tormentato giovani studenti che accusato i bulli e l’esame pressurebefore a commettere suicidio.”

Sebbene la riforma dell’istruzione sia diventata una priorità assoluta tra i leader giapponesi a causa degli eventi tragici degli anni ‘ 80, la situazione è peggiorata in un decennio. Hiroshi Yoshimoto, direttore della divisione riforma dell’istruzione del Ministero dell’Istruzione giapponese, ha riconosciuto che la situazione era sfuggita di mano quando ha detto: “Sappiamo tutti che dobbiamo riformare—ieri.”Nel 1999, gli studenti stavano diventando una minaccia troppo comune. Frequentare la scuola pubblica era come buttarsi volontariamente davanti a un camion in corsa—non c’erano molte possibilità di sopravvivenza. E secondo Yoshie Masuda, fondatore di un programma di tutoraggio privato chiamato Apple Tree, i problemi nelle scuole pubbliche non possono essere incolpati solo su giovani turbati o violenti. “La più grande condanna del sistema educativo giapponese è che anche i bambini normali non possono più gestire la scuola”, ha detto.

Oggi le statistiche non migliorano. Oltre 300.000 studenti abbandonano la scuola ogni anno, alcuni già in prima elementare. Il sistema educativo, mentre si concentra sul successo economico del paese, ignora il benessere individuale. E contrariamente alle vecchie preferenze, le imprese giapponesi non preferiscono più accettare lavoratori insensati. Sono alla ricerca di laureati che hanno una visione per la vita-individualswith integrità, creatività, e un parere sul futuro.

Sei anni fa, quattro uomini d’affari giapponesi hanno visitato la Home School Legal Defense Association(HSLDA) per indagare sul movimento homeschooling americano. In una gesta praticamente inaudita, fondarono il movimento homeschool del loro paese con la completa cooperazione e ammirazione della stampa giapponese. Hanno anche chiesto HSLDA per assistancein lavoro per legalizzare homeschooling in Giappone.

Poco dopo questa riunione, le due maggiori società di radiodiffusione di Tokyo, la Tokyo Broadcasting Service (TBS) e la Japan Broadcasting Service (NHK TV), hanno inviato reportage negli Stati Uniti per intervistare i rappresentanti di HSLDA e le famiglie di homeschooling sull’efficacia del metodo. Come risultato di queste interviste, due speciali su homeschoolingwere creato e trasmesso in tutto il Giappone. Ma gli uomini d’affari giapponesi non si fermarono lì. Hanno anche invitato Chris Klicka a parlare alla prima conferenza nationalhomeschooling del Giappone e partecipare all’organizzazione della national HomeSchool Support Association of Japan (HOSA). HOSA è stata fondata da molti importanti businessleader, compresi i presidenti di Microsoft Japan e Atmark Corporation.Anche i membri influenti della comunità universitaria svolgono un ruolo nella supervisionee nella gestione quotidiana dell’organizzazione. HOSA Presidente Shigeru Narita è un educationprofessor presso l’Università di Hyogo, mentre HOSA membro del consiglio Akio Hata è un professorat il Saitama Institute of Technology.

Il fascino dei media con homeschooling fornito molte opportunità forKlicka per introdurre il metodo e il movimento homeschooling giapponese in un positivelight. Ha parlato per una grande conferenza stampa con le principali reti e giornali presenti, e giornali influenti come il Nikkei (il Wall StreetJournal del Giappone) e il Tokyo Shimbun (il più grande giornale inTokyo), ha scritto favorevolmente del movimento homeschooling giapponese e dei suoi fondatori.Klicka è stato anche in grado di incontrare un alto funzionario del Ministero dell’Istruzione,sapendo che le decisioni e le opinioni del Ministero dell’Istruzione sono molto importantialle autorità scolastiche giapponesi.

“Homeschooling sta crescendo a passi da gigante in Giappone,” Klicka toldTOS. “È un tremendo movimento di Dio.”Christian homeschoolershave guadagnato ulteriore incoraggiamento da quando HOSA è stato raggiunto dalla Chiesa e HomeEducators Association of Japan (CHEA), un’organizzazione che lavora per tradurre homeschoolingmateriali come il curriculum di Bob Jones. Insieme, entrambe le associazioni forniscono supporto accademico e legale a migliaia, organizzando conferenze di homeschooling,gite sul campo e altri eventi.

“Vedono questo come un modo per aiutare a recuperare le perdite che il Giappone ha sofferto nel campo dell’istruzione”, ha detto Klicka. “Vogliono aiutare questi bambini-bambini che hanno grandi capacità creative ma non vogliono rimanere bloccati in uno stampo.”sono così affamati e seri su questo movimento”, ha detto il fondatore di CHEA Hiro Inaba. “i bambinidovrebbero essere allevati in circostanze puramente bibliche per costruire forti radici in Cristo, per essere forti sale e luce nel mondo. A poco a poco, Dio sta lavorando e adempiendola sua promessa .”

Informazioni biografiche

Copyright, 2009. Tutti i diritti riservati dall’autore qui sotto. Contenuto fornito da TheOld Schoolhouse® Magazine, LLC.

Claire Novak è una scrittrice e giornalista freelance. I suoi articoli sono apparsi inThe Girlhood Home Companion, Il Pebbly Brook Farm Journal, Country Line Magazine, e altre pubblicazioni. Svolge un ruolo attivo nella famiglia ministry.www.GiftOfFamilyWriting.com. Visita Claire a www.homeschoolblogger.com/ClaireNovak

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.