l’omocisteina è un aminoacido presente nel plasma sanguigno che è correlato alla comparsa di malattie cardiovascolari come ictus, malattia coronarica, trombosi o infarto, ad esempio, poiché i suoi alti livelli possono causare

Normalmente, il cardiologo o il medico generale può richiedere un test di omocisteina per osservare la quantità di questo aminoacido non sanguinante, approvando la necessità di iniziare un trattamento per prevenire i problemi cardiovascolari di cui sopra, caso o alto valore seja.

I valori standard di omocisteina nei nostri esami del sangue dovrebbero essere inferiori a 15 µmol / L, sebbene questo valore possa variare a seconda del laboratorio che analizza e il test dovrebbe essere feito in un periodo di 12 ore o secondo la raccomandazione del medico.

cosa fa alti e bassi i livelli di omocisteina media e dei valori di riferimento

valori di riferimento

normali valori di riferimento possono variare tra i laboratori, tuttavia, normalmente la quantità di omocisteina nel sangue è considerata normale quando si è tra i 5 e i 15 µmol/L. valori al di sopra di questo genere rappresentano un maggiore rischio cardiovascolare, dal momento che i livelli di omocisteina possono portare a cambiamenti nei vasi sanguigni e favoriscono l’aggregazione piastrinica, che porta alla formazione di trombi.

al fine Di valutare il rischio di malattie cardiovascolari, i valori di riferimento sono di solito:

  • un basso Rischio di malattie cardiovascolari: dai 15 ai 30 giorni/L;
  • intermedio Rischio di malattie cardiovascolari: da 30 e 100 giorni/L;
  • con un elevato Rischio di malattie cardiovascolari: più di 100 µmol/L

a seconda della concentrazione di omocisteina nel sangue, il medico è in grado di indicare la migliore forma di trattamento. Anche i valori inferiori al valore di riferimento dovrebbero essere trattati, poiché possono causare il fallimento del sistema immunitario e combattere lo stress ossidativo, che può portare alla morte cellulare e agli effetti tossici sul corpo.

alcuni farmaci possono interferire con il risultato del test aumentando i livelli di omocisteina nel sangue. Pertanto, è importante informare il laboratorio se si utilizza qualsiasi farmaco in modo che venga preso in considerazione al momento dell’analisi.

cosa significa omocisteina alta e bassa e valori di riferimento

omocisteina bassa

il basso valore di omocisteina può verificarsi principalmente a causa dell’integrazione con vitamina B o acido folico, specialmente in gravidanza, poiché queste sostanze riducono la concentrazione di omocisteina nel sangue.

normalmente valori leggermente al di sotto del valore di riferimento non è preoccupante, tuttavia quando la concentrazione di omocisteina è troppo bassa può causare danni al corpo, poiché vi è una diminuzione della produzione di antiossidanti, causando l’accumulo di sostanze tossiche nel corpo.

quando il valore di omocisteina è notevolmente diminuito e per nessun motivo apparente si consiglia di consultare un medico generico per valutare il problema, poiché potrebbe essere un segno di bassa produzione di questo amminoacido.

cosa fare: Quando è nota la causa della diminuzione dell’omocisteina, come l’integrazione con vitamina B o acido folico, ad esempio, il medico di solito raccomanda di interrompere o modificare il dosaggio della supplementazione fino a quando la concentrazione di omocisteina non ritorna normale.

in altre situazioni, si può raccomandare di cambiare la dieta, in modo da consumare meno alimenti ricchi di vitamina B6 e B12, come pesce, banana, avocado e verdure, e folati, come fagioli, spinaci e lenticchie, per esempio.

cosa fa alti e bassi i livelli di omocisteina media e dei valori di riferimento

alta omocisteina

alta omocisteina può accadere come conseguenza di una dieta ricca di proteine, specialmente di carne rossa, in quanto questo alimento è ricco di questo aminoacido, che può causare danni alle pareti dei vasi sanguigni, che porta alla comparsa di malattie cardiovascolari.

inoltre, l’omocisteina può essere aumentata a causa di:

  • cambiamenti genetici che possono interferire con il metabolismo dell’omocisteina, come il metilene mutazione;
  • bassa assunzione di alimenti con vitamina B6, vitamina B12 o acido folico;
  • tiroide modifiche;
  • malattie renali;
  • uso di alcuni farmaci;
  • fumatori;
  • SARS-CoV-2 infezione, nei casi più gravi.

ogni volta che c’è un aumento dei livelli di omocisteina, è importante consultare un medico, poiché l’aumento dei valori di questo amminoacido è correlato ad un più alto rischio di trombosi, che può essere pericoloso per la vita, perché l’aumento dell’omocisteina può agire direttamente sui vasi sanguigni e attivare piastrine e fattori di coagulazione, con conseguente trombo.

pertanto, per valutare il rischio di trombosi, il medico di solito richiede, oltre al dosaggio di omocisteina nel sangue, il dosaggio dei fattori di coagulazione, i livelli piastrinici e il D-dimero, oltre allo studio della mutazione del metilene, il dosaggio di vitamine e ormoni tiroidei per indagare la causa dell’aumento dell’omocisteina.

Come abbassare l’omocisteina

Il trattamento per abbassare l’omocisteina deve essere indicato dal medico nel suo complesso con il nutrizionista, perché è anche possibile definire la migliore strategia per ridurre i livelli di questo amminoacido in base alla sua causa.

pertanto, si può raccomandare di apportare modifiche alla dieta, come l’aumento del consumo di alimenti ricchi di acido folico e vitamine B6 e B12, come fagioli, broccoli, spinaci, noci, banana e pesce alla griglia, ad esempio, oltre ad evitare il consumo di carni rosse e frutti di mare.

è importante che questi alimenti siano consumati secondo la raccomandazione del nutrizionista, perché se si consumano grandi quantità, la concentrazione di omocisteina nel sangue può aumentare, rappresentando anche un aumentato rischio di complicanze, principalmente legate al sistema cardiovascolare.

in alcuni casi, quando l’alimentazione non è sufficiente per abbassare l’omocisteina, il medico può ancora prescrivere l’uso di integratori alimentari con acido folico, vitamina B12, taurina o betaina per ridurre la quantità di omocisteina nel sangue.

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.